Crea sito

Si cambierà smartphone più spesso nei prossimi anni: in media ogni 2 anni e mezzo

Si cambierà smartphone più spesso nei prossimi anni: in media ogni 2 anni e mezzo

I consumatori europei aggiornano il proprio smartphone in media ogni 40 mesi: questo periodo di tempo si ridurrà nei prossimi anni, grazie alla continua evoluzione tecnologica

C’è una dinamica alla quale i produttori di smartphone guardano con molta attenzione: si tratta del periodo che trascorre tra l’acquisto di un nuovo telefono e la sua sostituzione con un modello nuovo. L’evoluzione tecnologica e la maturazione di un mercato potano in modo naturale questa dinamica ad allungarsi, con un periodo di tempo che trascorre tra l’acquisto di uno smartphone e il successivo che tende ad aumentare.

Nel 2015 la media, tra le nazioni europee, vedeva un tasso medio di ricambio di 25 mesi: poco più di 2 anni, quindi, trascorrevano in media tra l’acquisto di uno smartphone e quello del successivo. Di fatto un andamento temporale che segue bene la regola del non acquistare il primo aggiornamento del proprio smartphone che viene tipicamente presentato dopo 12 mesi attendendo il successivo per un più sostanziale balzo in avanti tecnologico.

smartphone_generico720.jpg

Varie dinamiche hanno però contribuito ad allungare questo lasso temporale: la maturazione tecnologica, innovazioni sempre meno rilevanti introdotte con le nuove versioni rilasciate su base annuale e la maturità dello standard 4G. Queste dinamiche, assieme agli effetti della pandemia globale, hanno portato ad un allungamento sino a 40 mesi nel periodo di sostituzione del proprio smartphone. Quasi 3 anni a mezzo, quindi, come indicato da Strategy Analytics nella propria più recente analisi.

I consumatori europei sono però attesi ad un vero e proprio ritorno agli acquisti a partire già dal 2021, con un calo di questo indicatore temporale a 39 mesi quale media e una sua progressiva riduzione sino a 33 mesi entro il 2025. Le molte novità del settore, la progressiva uscita dalla fase pandemica e le innovazioni introdotte con la tecnologia 5G saranno le forse capaci di spingere i consumatori ad aggiornare i propri smartphone con una frequenza maggiore rispetto a quella degli ultimi anni.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.